Daniele MANNI

Insegna informatica dal 1990 presso l’Istituto Costa (oggi, Galilei-Costa) di Lecce.
Una sua peculiarità è quella di incoraggiare il pensiero creativo e, invece di seguire i programmi ed i metodi tradizionali, dedica il 30-40% delle sue ore di lezione a “materie” quali creatività, cambiamento, innovazione.
Da oltre 15 anni coinvolge i suoi studenti in progetti a lungo termine e di respiro nazionale ed internazionale, su una molteplicità di argomenti quali ad esempio l’inclusione sociale, l’eco-sostenibilità, la promozione turistica e agroalimentare del territorio, etc.
In questi anni i suoi studenti hanno ricevuto numerosi premi e riconoscimenti (tra cui tre Medaglie del Presidente della Repubblica), tanto che il suo istituto si è guadagnato il titolo di “scuola più premiata d’Italia“.

La sua caratteristica principale è quella di aver co-fondato nel 2004, all’interno della scuola, una società cooperativa avente la funzione di incubatore e acceleratore di start-up giovanili under 18 (esperienza unica in Europa e, probabimente, nel mondo).
In questo ambito ha incitato e sostenuto gli studenti nella creazione e gestione di micro imprese reali durante il corso dei loro studi, permettendo anche la possibilità di guadagnare. Le start up avviate in questi anni sono decine e alcune di esse sono cresciute al punto di rappresentare oggi il vero e proprio “lavoro” dei suoi giovani ideatori.

FONTE: sito MASTERPROF (www.masterprof.it)